La lettura di uno degli ultimi post di Lorenzo, mi ha stuzzicato, anche perchè, uno dei delusi sono io...

Shit Happens, è vero. Dal'tra parte come diceva qualcun'altro "l'omo è omo..." e non c'è alcun dubbio che in quanto tale è fallibile. Perciò è naturale che ci sia un bug il ASP.NET come ce ne sono in molte altre tecnologie. Però come dice il titolo, pare che questo sia una esclusiva nostra. La sovraeposizione ed il pregiudizio che regnano rispetto le tacnologie di casa MS fanno sì che un bug di ASP.NET sia infinitamente sopravvalutato rispetto ad uno equivalente in casa degli altri.

Intendiamoci, non tutto il male viene per nuocere. Alla fine questo squadrismo che da tempo colpisce le tecnologie Microsoft non è altro che positivo. In fin dei conti, sistemi operativi come Windows 2003 e Windows XP sono infinitamente più stabili e affidabili dei loro predecessori proprio grazie a tale sovraesposizione.

Perciò, dopo il "porcaccia!!!" che ho sparato nel messenger di Lorenzo dopo aver letto del bug di ASP.NET, adesso, a mente fredda dico: "grazie".

Uno in più trovato è uno in meno da temere. E un passo i avanti verso la perfezione...


Ecco, lo sapevo, me lo sono perso e ora ne sento il rimorso. Dannazione, dovrei sul serio pensare di smettere di lavorare. Pochi giorni fà ho sentito un splendido monologo alla radio dove in soldoni si diceva:

Ma chi te lo fa fare ad buttare gli 8/10 del tuo tempo nel lavoro se gli altri due non riesci ad usarli per la tua passione?

Mumble Mumble... 

Complimenti... le foto sono ottime, e il dispiacere di non esserci stato è tanto. Mi aggrapperò alle immagini, per provare a respirare un po' dell'aria carica di ioni che sicuramente riempiva il luogo. 

tags: - categories:

Ce l'abbiamo fatta!!! Quest'oggi mi è giunta la notizia che i Compagni Radicali hanno raggiunto la ragguardevole cifra di 1 milione di firme raccolte sul referendum per l'abolizione totale della legge sulla fecondazione assistita.

Gli altri quesiti, quelli di abolizione parziale hanno raggiunto le 750000 firme, più che sufficienti per garantire che il tetto del mezzo milione sia superato.

Ora la battaglia si fa più dura. E' stato conquistato il diritto per tutti gli italiani di andare alle urne e decidere se questo è il modo corretto di affrontare il problema della fecondazione assistita oppure se il parlamento dovrà mettersi nuovamente al lavoro per garantirci una legge che lasci nell'armadio il moralismo cattolico e ci regali il rispetto dei diritti civili.

Già, perchè in ultima analisi si tratterà di questo. A prescindere dall'argomento del referendum (indubbiamente importantissimo) si dovrà soprattutto scegliere se il nostro stato di diritto debba fondarsi sui principi del laicismo oppure se possa essere influenzato pesantemente dal clero e dalla chiesa e comportarsi da stato confessionale.

La battaglia è ancora lunga, perchè bisognerà proteggere il referendum, e con esso il diritto di decidere degli Italiani (qualunque decisione essi vogliano prendere) innanzitutto dalla corte costituzionale, che già più volte in passato ha dimostrato di difendere gli interessi del palazzo invece della costituzione, e dal parlamento che già oggi si sta muovendo per cercare di apportare irrisorie modifiche alla legge al solo scopo di fare saltare il referendum.(La costituzione dice che se la legge cambia il referendum non si fa più)

Il referendum sarà scomodo, e si potrà arrivare anche a veder sciogliere le camere anticipatamente pur di evitare che, sull'onda di una possibile vittoria del sì, si possa costituire una forza politica riformatrice in grado di vincere le elezioni politiche e finalmente di rinnovare il nostro sfortunato paese.

Ma adesso è il momento della gioia. Grazie allo sforzo immane di un manipolo di persone, sono state raccolte quasi 5000000 di firme in totale. Grazie a loro si potrà modellare il nostro paese così come meglio crediamo che debba essere.

Noi.

tags: - categories:

Stamattina e non si sa da quanto, pare che il workspace di IMHO 1.0 non sia accessibile...

Dannatissimo GDN. Ora vado a fare visita a SourceForge. Vediamo se ne nasce un feeling...

tags: - categories:

Mi sono appena registrato all'evento cui parteciperà Bill Gates a Novembre e ho notato che nel mio profilo appare la seguente dicitura:

Posizione: Software Engineer
Ruolo: Rifiutato
Reparto: Tecnologia/Sistemi informativi

Devo preoccuparmi?

tags: - categories:

Da quando ho scritto il post "Una firma per la libertà", sento sempre più spesso gente che mi ferma e mi dice: "Speriamo bene per le firme" oppure "Ah, i Radicali hanno ragione!", o anche "Io li ho firmati, dai che ce la facciamo". Il tenore delle richieste, è immancabilmente questo e mi sento autorizzato a chiedermi: Ma siamo tutti Radicali?

In realtà questa mia domanda, che trova una giustificazione anche nelle migliaia di cittadini che hanno letteralmente preso d'assalto i tavoli dei compagni Radicali, mi frulla in testa da molto più tempo. Se vado ad analizzare la partecipazione della gente alle idee Radicali, mi rendo conto che con tutta probabilità l'Italia è Radicale e non se ne rende conto.

Divorzio e Aborto, ma anche Nucleare, Legge elettorale maggioritaria, e decine di altri argomenti hanno trovato nella Gente un supporto infinitamente superiore a quello che ci si poteva ragionevolmente aspettare dal 2% medio di preferenze che questa forza politica ha sempre trovato. Il fatto è che normalmente quando si parla dei Radicali si sente esprimerae un luogo comune: "Non ci sono più i Radicali di una volta". E' questo il messaggio che passa, autorizzando a credere che siano i Radicali ad essere cambiati piuttosto che gli ad essere dei banali trecartari. In effetti pare difficile credere, in un panorama politico desolante come quello italiano, che esita qualcuno che riesce a mantenere fissa la barra del timone e non si abbandoni a facili trasformismi in nome della poltrona che occupa e che non vuole lasciare.

Ma un'analisi attenta delle posizioni Radicali, che sono note a tutti, legalizzazione delle droghe, libertà di ricerca, stati uniti d'Europa, eutanasia, laicità dello stato, rivela che questo pragmatico modo di affrontare i problemi è tale e immutabile da sempre, fin dalla nascita del partito.

Perciò la domanda legittima è: Perchè gli altri sono cambiati?


Mi fuma il messenger. Non sopporto questa condizione di sviluppo, con le risorse distribuite su tutto il territorio nazionale per una applicazione che non ha nulla di distribuibile...

Da stamattina sono in una continua sessione di messenger per risolvere problemi che si snodano tra le migliaia di kilometri che separano il mio team?

Forza... qualcuno inventi il teletrasporto e gli sarò eternamente grato!

tags: - categories:

Ho appena rilasciato la build 1732 di IMHO. E' stato fissato il bug che impediva la configurazione dei parametri di accesso al weblog e quindi in ultima analisi l'uso del software.

Inoltre ho aggiunto il supporto full per le categorie. Ora è possibile inviare post già associati alle giuste categorie, che vengono sincronizzate ad ogni upload.

http://workspaces.gotdotnet.com/imho


Qualcuno si potrebbe chiedere quali sono le feature previste per IMHO. Ecco quindi il piano delle feature raggruppate per release:

ENTRO BETA1

- supporto totale alle categorie
- localizzazione in inglese
- implementazione di un Pattern Adapter per consentire l'integrazione con altri engine di blog
- gestione di tag HTML personalizzati in source control

ENTRO RELEASE 1.0

- emoticone
- shortcut messages
- keyword substitution
- totale integrazione dell'editor con quello di .TEXT
- uso di DPAPI per la per la protezione delle password

RELEASE 1.1

- supporto ai blog multipli
- mirroring del blog

FUTURE

- internet explorer shell extension
- webservice che estenda le capacità di .TEXT per consentire la gestione totalmente offline
- integrazione della gestione delle immagini