Ripropongo un link che il mio amico Francesco ha postato in un commento, perchè l'articolo è davvero significativo. Anche questa volta, come già successo per l'aborto e per il divorzio, la fecondazione assistita sta diventando un fenomeno di elite, dove solo chi ha i soldi si può permettere di provarci.

Link: Repubblica.it » scienza_e_tecnologia » Il grande flop dei figli in provetta

powered by IMHO 1.2


Ho avuto ora la conferma dei Veneti che parteciperanno alla cena domani sera. Al momento saremmo io, Luce Minudel e Francesco Soliani, il mio amico che spesso commenta qui e lì nel mio blog e negli altri (l'unico "lettore puro"!!!).

Il punto di incontro per i Veneti è il centro commerciale I Giardini del Sole a Castefranco Veneto per le 18:40. Io ho ancora due posti liberi in macchina. Qualche altro che si aggrega?

powered by IMHO 1.2


Ancora una volta il team di Internet Explorer è a caccia di suggerimenti. Questa volta l'argomento è una bella "patata bollente". Si parla di Standard Compliancy. A parte che è opinabile il fatto che si dica che IE supporta appieno i CSS1, il proposito è buono. Sarebbe il caso di intervenire.

Link: IE and Standards

powered by IMHO 1.2

tags: - categories: News

Sto costruendo casa e mentre i muratori "gettano" i solai del primo piano e io mi appresto a varcare per la prima volta la soglia del mio studio, un dilemma mi affligge.

Wired or Wireless? Uno switch ben piazzato che mi porti 1gbit in giro per casa, oppure la magia della rete senza cavi per qualche mbit di pura goduria? E' ora il momento di prendere l'ardua sentenza, dato sì che le canalette presto saran distese.

Meglio che interrompa qui il parafrasare Shakespeare, che peraltro non ho nemmeno mai letto. Ma il dubbio che mi assale lo avrete compreso. Al momento propendo decisamente per l buon vecchio cavo, cui ben presto potrei affiancare un router wireless, mi venisse mai l'idea di bloggare dall'orto.

Voi marrani che ne pensate?

powered by IMHO

tags: - categories:

Un articolo cui sono giunto da WindowsBeta.net mostra la scaletta dei tempi per l'uscita della nuova suite di Office 12. La preview è prevista per Maggio 2005, ma disponibilità sarà per il tardo 2006. WindowsBeta.net suggerisce che la Microsoft potrebbe ritardare leggermente longhorn per "aspettare" il delivery di Office. 

Office 12 public disclosure: May 2005
Microsoft plans to begin unveiling the Office "wave 12 pillars" to key customers in May 2005, the earliest in an Office version's lifetime that the company has ever done so.

Beta 1: October 2005

Beta 2: First half of 2006
This will be available as a public beta as well.

Beta 3: Mid-2006
This will be available as a public beta as well.

RTM: Late summer 2006

General availability (GA): October 2006

Fonte: Paul Thurrott's SuperSite for Windows: Microsoft Office 12 Preview 1

powered by IMHO 1.2


Come ha rilevato Lorenzo, la cena è pronta per essere servita. Il ristorante è stato riprenotato, per lo stesso numero di persone, anche se speravo che qualcuno in più ci fosse. Purtroppo mi mancano ancora le adesioni di qualcuno, ma spero di recuperarle oggi.

A mio parere nemmeno lo tsunami potrebbe fermarci stavolta!

powered by IMHO 1.2


Gia altre volte ho letto, nei post di altri nel mainfeed, annotazioni in merito alla "privacy aziendale", a quel confine sottile ed impalpabile che separa la legittima attività del blogger dalla rivelazione di informazioni appartenenti alla sfera del lavoro e che come tali dovrebbero rimanersene buone buone al suo interno. Devo rilevare però, che non è solo una questione di rendere pubblico un segreto aziendale, ma che forse anche la sola normale, innocente, espressione di idee potrebbe dare adito ad elaborazioni ed interpretazioni che viste da un occhio malizioso assumano un significato recondito.

Nello scrivere queste parole mi rendo conto che potrebbero sembrare uno sfogo di un affetto di mania di persecuzione, però voglio insistere. Supponiamo che un cliente si trovi a leggere il mio weblog, e da quello che scrivo ne desuma delle conclusioni, totalmente infondate, ma per lui davvero reali, fino al punto di modificare la propria opinione nei confronti dell'azienda presso cui lavoro. Magari non apprezza le mie idee politiche (non è nemmeno difficile...), oppure nei miei post rileva che le mie affermazioni, anche puramente tecnologiche, differiscono da quelle che gli vengono proposte come "linea aziendale".

Io mi ritengo fortunato, dato che il mio datore di lavoro non si sognerebbe mai di valutare il mio lavoro, usando i miei post come misura, ma non è detto che questo sia vero per un cliente. Ma l'argomento è davvero esteso. Immaginare una persecuzione credo sia una delle attività peggiori che la mente umana possa concepire. Si potrebbe persino ipotizzare che il cliente mi tenga d'occhio, munito di aggregator, monitori i miei post per sapere se sto lavorando oppure batto la fiacca. L'idea, per quanto malsana, deve essere presa in considerazione. Si sa che la meschinità della gente riesce talvolta a raggiungere picchi davvero sconcertanti.

Dovrei allora smettere di bloggare? No grazie, preferisco affrontare l'eventualità che qualche ipocrita possa tentare di interpretare a suo favore ciò che scrivo, piuttosto che regalargli la mia libertà. Davvero, non ho mezze misure quando scrivo, non tento di ammorbidire le mie opinioni, e pretendo che vengano rispettate come io rispetto quelle degli altri. Così, credo, essendo tutto nero su bianco, che non vi sia nessuna interpretazione possibile, che ne snaturi il significato.

E a proposito, non interpretate questo post, non si basa su fatti reali.

powered by IMHO

tags: - categories:

Nella giornata di ieri, il Cardinal Ruini ha invitato i cittadini italiani a non andare a votare al Referendum. Mettendo da parte tutte le considerazioni in merito alla legittimità di astenersi in una convocazione nella quale la propria astensione impedisce ai non astenuti di esprimere la propria idea, rimane da considerare che quanto va dicendo Ruini altro non è che una inammissibile ingerenza nella vita politica di un paese straniero.

Tant'è infatti quello che affermano i trattati firmati tra Stato Vaticano e Stato Italiano. Per dirla in breve, se a dire qualcosa del genere fosse stato un ministro Francese, per fare un esempio, la cosa avrebbe suscitato immediatamente la convocazione dell'ambasciatore francese per diffidare formalmente il suo paese dal continuare in questa direzione.

Perchè l'ambasciatore Vaticano non deve rispondere di questa ingerenza?

powered by IMHO 1.2