E' tutto pronto per partire domattina alla volta di Seattle. Valigia, PC, bagaglio a mano, Passaporto, Biglietti, etc... manca solo il Web Checkin che dovrebbe aprire entro un'ora. In effetti questi ultimi due giorni sono stati un po' critici a causa delle notizie di maltempo provenienti da New York - aeroporto per cui dovrò transitare - ma anche sulla base delle previsioni di nave dalle nostre zone (che per ora sembrano scongiurate a giundicare dal solleone che splende).

Nel cercare notizie fresche mi sono imbattuto nell'incredibile che ha una mole di informazioni davvero enorme. Si va dalle previsioni sugli aeroporti, agli orari dei voli, alle condizioni atmosferiche fino a vedere in tempo reale la posizione GPS dell'aereo che sta viaggiando e a poter schedulare delle mail/sms di avviso sui voli cui si è interessati. Ecco di seguito qualche link che mi riguarda:

Si tratta di un servizio davvero ben fatto e utile, se poi si include che è possibile usare anche il sito http://mobile.flightstats.com per avere informazioni sul proprio cellulare allora diventa indispensabile.

Nei prossimi giorni cercherò di aggiornare con più frequenza il mio blog, non per darvi novità tecnologiche che saranno al 99% sotto NDA, ma per darvi foto, aneddoti e impressioni sull'imminente viaggio.

Per chi volesse tenersi aggiornato ho preparato una categoria apposita: MVP Summit 2010

A presto!


Ho appena terminato di caricare le ultime 150 foto su Picasa. Le potete vedere allo stesso indirizzo dell'altra volta:

http://picasaweb.google.it/codeblock/Seattle?authkey=23xipySjxqE

Inoltre trovate anche un album pubblico su facebook completamente taggato:

http://www.facebook.com/album.php?aid=20906&id=621769502

Aggiungete pure i vostri commenti.

Technorati Tag: ,

DSC_6087
il servizio navetta
DSC_6088
nel parcheggio del Building 9
DSC_6089
Uno scorcio del Building 8
DSC_6090
Sempre il Building 8
DSC_6091
La dentro qualcuno lavora...
DSC_6093
Un campo di Soccer
DSC_6094
La gente passeggia tra i Building
DSC_6095
Il conference center

Tutto ciò è davvero sconfortante se paragonato alle nostre condizioni di lavoro... o almeno alle mie


Stamattina è iniziata bene. Scendo a colazione e una inserviente al piano mi saluta e mi sorride. Arrivo a colazione e un cameriere mi saluta. Vabbè dico io, è il loro lavoro sarà perfettamente normale... ma la cosa continua. un tizio al tavolo si avvicina e mi stringe la mano per salutarmi, poi si siede e parte una piacevole chiacchierata. Chi lo ha mai visto...

Esco e mi reco allo Starbucks e mentre do uno sguardo interessato alle brioches un tizio dall'altra parte mi fa : "hello, how are you!". Sorriso stampato sulle labbra. Sono le 6:30 di mattina. Dalle nostre parti mi avrebbero sbattuto un cappuccino sul tavolo guardandomi storto.

Poi la cosa continua. Un tizio che si assicura di non avermi sopravanzato alla cassa. L'autista dell'autobus che mi accoglie sorridendo come fosse la più bella giornata dell'anno. Scendo dall'autobus e una cortese signora mi augura buona giornata. Sono estasiato. Dove devo firmare per avere giornate come questa tutti i giorni?

Ora sono seduto in attesa che Pablo Castro inizi una sessione su ........... ... (sorry ma non posso dire cosa). Tutti contenti, ci si sorride a vicenda. Sarà pure una stupidaggine ma vivere in questo modo è sicuramente più leggere e semplice.

Mi sa che da noi c'è molto da imparare.


DSC_5994 Finalmente oggi mi sono deciso a dedicare qualche minuto al mio blog. La somma di jet lag, una nuova città da esplorare, le compere per la moglie e il summit alle porte ha fatto in modo che non sia riuscito a trovare un momento per scrivere qualcosa nel blog come avevo promesso. Oggi, dopo aver abbandonato una sessione di scarso interesse nella calma della camera d'albergo ho deciso di raccontarvi qualcosa.

Il viaggio di Sabato è andato liscio come l'olio a differenza degli amici che hanno deciso di viaggiare con British Airways e stanno tuttora aspettando che il bagaglio arrivi a destinazione. Sono arrivato con solo una mezzora di ritardo, più o meno la stessa mezzora di ritardo alla partenza da Venezia. Il pomeriggio l'ho passato a combattere a spada tratta con il jet lag. Mentre il mio corpo mi "suggeriva" con tutte le sue forze che per me era ora di riposare, io ho stoicamente totalizzato 28 ore consecutive insonni andando a letto alle 21:00 dopo aver lasciato la compagnia di Alessandro e Davide.

Il giorno dopo alle 6:30 sono sceso e ho fatto colazione con una pila di pancakes con sciroppo d'acero in hotel e sono uscito ben intenzionato a fare mia la città. Una visita che mi ha impegnato per ben 2 ore, per cominciare, fino all'incontro con gli altri MVP presso lo Starbucks. Da li ci siamo mossi assieme verso Fry's dove ho dato sfogo alle mie "voglie" acquistando un piccolo lettore MP3 per mia figlia (il suo primo lettore...) e un Creative ZEN strepitoso... per me.

Poi nel pomeriggio la visita allo Space Needle in compagnia di Giovanni Dicanio ha chiuso la giornata. In serata siamo andati tutti assieme a gustare degli ottimi Crabs in un locale del porto.

Stamane dopo le ultime compere per la moglie, è iniziata l'avventura del Summit...

Technorati Tag: ,