Era un po' di tempo che cercavo qualcosa di simile, ed ero quasi giunto alla conclusione di dover acquistare un account di Exchange e trasferire tutto (posta e calendari) su di esso. Oggi, ho finalmente trovato , una bella applicazione la cui versione base è freeware che mi consente di sincronizzare direttamente il calendario di Google con il mio PDA attraveso internet o via ActiveSync. L'applicazione fa uso del Compact Framework 2.0 e dalle prime prove che ho fatto sembra fatta proprio bene. Ora la proverò per qualche giorno e se fa al caso mio potrei anche investire i 30$ annui per la versione pro, sempre che ne senta il bisogno.

Download e info:

Technorati Tag: , ,

Ieri sera si è tenuto il primo meeting della stagione 2007/2008 di XeDotNet. Ospite della serata Simone Chiaretta. noto blogger di UgiDotNet che ci ha illustrato le potenzialità dello sviluppo di Gadgets su Windows Vista.

Nonostante i presenti al meeting non fossero molti, circa una decina di persone, la serata a mio parere è stata lo stesso molto interessante. Purtroppo come discutevo con Simone poco dopo il termine della sessione, la cattiva nomea che è stata affibiata a Windows Vista fa si che siano ancora poche le persone che ritengano di iniziare ad approfondire gli aspetti di questo sistema operativo. Quello che spesso sento dire è: "Vista io ancora non lo considero". Pur se questo comportamento è comprensibile non si può dire che sia giustificabile. Windows Vista è un ottimo sistema operativo che risponde a delle esigenze che sono state manifestate più volte negli anni scorsi e che ad oggi sono state "dimenticate". Ci si è sempre lamentati della notevole vulnerabilità dei sistemi Windows, ma oggi che abbiamo la UAC, la prima cosa che si cerca di capire è come fare a disattivarla. Ritengo miope non considerare Vista, ad ormai molto tempo dalla sua uscita e mentre siamo in vista (!) della prima Service Pack. Prima o poi ci si dovrà scontrare con esso e allora si pagherà lo scotto di essercisi tenuti lontani fino all'utlimo momento.

Simone si è destreggiato bene, affrontando i vari aspetti di queste mini applicazioni che a dispetto del nome possono regalare delle feature interessanti ai nostri software. Con il suo MacBook, ci ha condotto attraverso una serie di esempi gradualmente più complessi ad esplorare i risvolti più impensabili. Non mi resta che ringraziarlo ancora una volta nella speranza di vederlo ancora nostro ospite.

Chi volesse vedere alcune immagini del meeting può visitare il .

Technorati tags: , ,

La prossima settimana si riaprono le attività di . Dopo una lunga pausa estiva torneremo ad incontrarci come di consueto e questa volta sarà nostro ospite che ci intratterrà parlandoci dello sviluppo di Gadgets per la nuova Sidebar di Windows Vista. Nonostante il nome che evoca qualcosa di un po' ludico, i Gadgets della sidebar possono rivelarsi uno strumento molto utile per le applicazioni commerciali perchè offrono l'occasione di favorire l'integrazione con il sistema operativo e di avere quindi sempre evidenti e a portata di mano degli strumenti di lavoro. Il mio consiglio è naturalmente di essere presenti non fosse altro che per passare una bella serata in compagnia e cogliere l'occasione per imparare qualcosa che prima o poi tornerà utile. Chi volesse iscriversi è invitato a farlo usando il sul nostro sito web.


A quanto pare la "durezza" ormai proverbiale di Windows Vista in quanto a sicurezza sta pagando. Da un rapporto uscito in questi giorni pare che Windows Vista sia in assoluto il S.O. sul quale si riscontra il minor numero di vulnerabilità critiche negli ultimi sei mesi. Sinceramente non so dire se questo dipende dal diffusione ancora non ampia, ma mi pare comunque un buon risultato soprattutto tenendo in considerazione la quantità di persone che darebbe un dito pur di scovarne una... :)

Dallo stesso rapporto, il cui grafico parla chiaro, indovinate qual'è il S.O. più buggato?

Link:


Da una ricerca condotta da Symantec, è emerso che negli ultimi 6 mesi del 2006 Windows si è posizionato in vetta alla classisica dei sistemi operativi più sicuri. Il dato è stato calcolato sulla base del numero di vulnerabilità riscontrate e sul numero di giorni necessari per la loro soluzione. Nella classifica Windows ha superato Redhat Linux con 39 vulnerabilità contro 208 e con dei 21 giorni contro 58 per il tempo di rilascio delle patch. Al terzo posto si colloca Apple Mac OSX con solo 43 vulnerabilità ma con ben 66 giorni di attesa per le relative patch.

Fonte:

Technorati tags: , ,

Vi confesso che non vedo l'ora di poter ascoltare Davide Bedin al prossimo meeting di XeDotNet. Da oggi sono aperte le iscrizioni per la data del 6 aprile 2007 e chiunque può dare la propria adesione all'evento direttamente nel sito Microsoft.

Come al solito i posti sono limitati perciò vi invito a dare la vostra adesione in fretta per evitare di perdere l'occasione, ma anche di cancellare la vostra adesione qualora qualcosa vi impedisca di partecipare.

Davide che so alacremente impegnato a prepararsi, ci presenterà Windows Communication Foundation, piattaforma per cui la sua azienda è segnalata, unica italiana, tra quelle che l'hanno adottata con largo anticipo. Ci sarà davvero molto da imparare.

Link: http://msevents.microsoft.com/CUI/EventDetail.aspx?EventID=1032334359&Culture=it-IT


Comincia fra qualche minuto il mio webcast su uno dei temi più affascinanti di Windows Presentation Foundation. Le animazioni, nell'immaginario collettivo sono probabilmente la parte del framework che più lo distingue dal vecchio ambiente Windows Forms.

Durante il webcast seguiremo una breve introduzione agli strumenti che supportano le animazioni per poi addentrarci nell'argomento vedendo gli aspetti salienti, e svariate applicazioni più "avanzate" come ad esempio l'uso del databinding in collaborazione con le animazioni. Proprio su questo punto presenterò l'esempio che più mi piace tra i 14 progetti di esempio che ho preparato per il webcast.

Vi aspetto numerosi: Le Animazioni con Windows Presentation Foundation


Ieri sera si è tenuto il primo meeting della serie "New Technology Track", nel quale ho tenuto una sessione su Windows Presentation Foundation. Alla fine i 90 minuti previsti dal titolo della sessione si sono repentinamente moltiplicati per 1,5 grazie ad un pubblico che ha seguito con molta attenzione e avidità la mia esposizione facendomi molte domande cui spero di essere riuscito a rispondere con la necessaria puntualità e chiarezza. Ho iniziato la sessione un po' impacciato, però poi dopo un po' di riscalcamento finalmente le parole hanno iniziato a fluire un po' meglio e mi sono lasciato trascinare dall'argomento.

Nella sessione ho volutamente cercato di evitare di stupire con "effetti speciali" come ho spesso visto fare con WPF. La mia preferenza è invece andata al modo consueto del nostro gruppo di presentare gli argomenti, con innumerevoli esempi di codice spiegati nel dettaglio in modo di lasciare al pubblico delle informazioni che possano diventare utili per il proprio lavoro. Ho preparato una serie di "giocattoli", così come li ho definiti durante il meeting, con l'obbiettivo di dimostrare uno ad uno gli argomenti a partire da aspetti che spesso vengono trascurati, ma che sono alla base della conoscenza di WPF quali i RoutedEvents e il Dependency Property System.

La sessione è stata lunga, molto più lunga del previsto e spero di non aver annoiato il mio pubblico, ma devo dire che nonostante la stanchezza sono soddisfatto di come sono andate le cose e di come le persone hanno mantenuto viva l'attenzione dialogando per tutto il tempo. Ora sono al lavoro per preparare i prossimi webcast, il primo dei quali si terrà la prossima settimana, e a breve metterò a disposizione il sorgente e le slide del meeting. E' mia intenzione poi preparare alcuni articoli che spieghino meglio come arrivarea certi risultati con WPF, partendo dagli esempi del meeting. Portate pazienza e prima o poi ci arriverò.

Lasciatemi quindi ringraziare innanzitutto i partecipanti, in particolar modo quelli a cui sono stati assegnati il Voucher per l'esame Microsoft e la licenza di Windows Vista per avermi subissato di quesiti. Infine, ultima ma non meno importante, INETA che ci ha fornito un bel po' di materiale e parecchio supporto per preparare i meeting.


Ora è ufficiale. A dicembre mi cimenterò anche io nella prova di tenere dei webcast. L'argomento che ho scelto è Windows Presentatin Foundation. E' da un po' che mi cimento in questo ambito e devo dire che ne sono affascinato. Io sono un programmatore web, di nascita, e nonostante abbia lavorato per quasi due anni esclusivamente in Windows Forms, ho sempre sentito la mancanza della mia piattaforma elettiva alla quale sono tornato non appena ho potuto. Con WPF però le cose sono diverse. Fare applicazioni in XAML assomiglia per qualche verso a realizzare pagine web, anzi in definitiva è un po' come prendere il meglio di entrambi i mondi. Immaginate di sviluppare applicazioni web stateful, e avrete più o meno la sensazione che si prova nello scrivere con XAML.

I webcast sono in preparazione e riguarderanno in particolare l'implementazione WPF del DataBinding e la realizzazione di interfacce mediante l'uso di effetti e animazioni. L'idea è quella di realizzare una piccola applicazione, e poi descriverne il funzionamento passo-passo usandola come filo conduttore per entrambi i webcast. Naturalmente se avete richieste non avete che da scrivermi e vedrò di accontentarvi.

Un ringraziamento a che ha messo a disposizione la linea internet, mettedomi così in grado di tenere i webcast che altrimenti non avrei potuto fare dato che la zona in cui abito non è coperta.

Ecco il link alla pagina di iscrizione:

Martedì 14 Dicembre 2006 - ore 14:30

Martedì 21 Dicembre 2006 - ore 14:30

 


Guardate cos ho scovato ancdando a curiosare nel codice di Windows Live Writer, per caprie quali sono i punti di estensibilità (quelli nascosti, non quelli pubblici)

private static IList ClientTypes
{
      
get
      
{
            
lock (BlogClientManager._classLock)
            {
                  
if (BlogClientManager._clientTypes == null)
                  {
                        BlogClientManager._clientTypes = 
new ArrayList();
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(Blogger2Client));
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(LiveJournalClient));
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(MetaweblogClient));
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(MovableTypeClient));
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(WindowsLiveSpacesClient));
                        BlogClientManager.AddClientType(
typeof(BloggerAtomClient));
                  }
                  
return BlogClientManager._clientTypes;
            }
      }
}

Con tanti saluti all'estensibilità (quella vera)... Questo praticamente impedisce di create un proprio client di blog per supportate piattaforme non direttamente "previste" da Microsoft.

powered by IMHO 1.3


Sono lieto di comunicarvi che stamattina mi è arrivato l'invito a partecipare BETA tester per Windows Vista. Inutile dire che ho immediatamente accettato. Non vedo l'ora di iniziare a "smanettare" un poco, anche se ancora non so da che parte inizierò. Intanto attendiamo che arrivi il materiale e poi vedremo.

powered by IMHO 1.3