Stasera ho deciso di installare un virtual pc, con il framework 2.0 e Sql Server 2005 Express, per fare qualche esperimento e predisporre l'ambiente di sviluppo per .TRAQ. Probabilmente molti di voi lo avranno già fatto, ma ecco lo stesso alcune indicazioni per chi volesse provarci.

  1. tanto per cominciare, occorre installare la giusta versione di framework 2.0 in base alla versione di Sql Server 2005 che si intende utilizzare. Personalmente ho scelto di installare la CTP di Ottobre perchè è l'unica che consente di utilizzare il Sql Express Manager che è stato rilasciato da poco. Le versioni scaricabili del framework sono attualmente due: 2.0.40607 e 2.0.40903 . Con la prima versione è possibile installare esclusivamente Sql Server Express Beta 2, mentre con la seconda versione si può installare la CTP di ottobre.
  2. Al termine dell'installazione per potersi connettere a Sql Server è necessario abilitare alcuni protocolli che di default non sono abilitati. L'installazione di default di Sql Express crea una named instance denominata appunto SqlExpress accessibile esclusivamente utilizzando il protocollo shared memory. Mediante l'uso di Sql Computer Manager è possibile abilitare anche le named pipes e il protocollo tcp. Ecco come fare:
  • aprire il Sql Computer Manager
  • trovare il nodo Services -> SqlServer e avviare il servizio
  • trovare il nodo Server Network Configuration -> Protocols for SQLEXPRESS
  • abilitare con il menu di contesto Np e Tcp
  • chiudere il Sql Computer Manager
  • aprire l'applet dei servizi e lanciare SqlBrowser
  • impostarne l'avvio automatico se necessario

Questo procedimento vi porterà a potervi connettere al database anche per mezzo dei consueti protocolli di rete che di default sono disabilitati. In particolare vale la pena notare che occorre avviare il servizio SqlBrowser che consente al client di trovare qual'è la porta su cui esso deve connettersi. Il servizio SqlBrowser inoltre è deputato al SQL Server Discovery, ovvero a pubblicare l'istanza di database e a renderla visibile ai client che la cercassero sulla rete.

A questo punto è possibile connettersi a SqlServer con l'express manager specificando come nome ".\sqlexpress" oppure "servername\sqlexpress". Di default il metodo di autenticazione scelto è la Windows Authentication, ma se in fase di installazione lo avete specificato è possibile anche usare l'autenticazione di SqlServer e il classico utente "sa".

powered by IMHO


Il dado è tratto. Dato che non vi sono più commenti in merito ritengo di poter sintetizzare le varie segnalazioni giunte nel seguente nome:

.TRAQ (si legge dot Track)

Il nome è un po' ambizioso, ma il progetto non è da meno...

Inoltre direi che è sostanzialmente accolta la proposta di Adrian per la parte relativa ai bugs, che se applicabile si chiamerà BugsBanny (con la "a"). Ho predisposto una categoria nel mio blog per chi volesse rimanere aggiornato sulle novità del progetto sul quale a breve comincerò a lavorare.

powered by IMHO


So già che mi sarà detto che cominciare dal nome non è una buona idea, però io sono abituato a chiamare le cose con il loro nome, e se queste non ce l'hanno diventa un problema. Quindi anche per "esigenze editoriali", vorrei provare a trovarlo subito.

Ecco in due parole di cosa si dovrebbe occupare il software, sintetizzando le idee che sono state proposte nei commenti al mio precedente post :

  1. Tracking dei bugs in un progetto. Per estensione suggerirei che il tracking sia esteso a tutte le fasi di sviluppo e non solo al debugging.
  2. Gestione della knowledge base aziendale relativa ai progetti
  3. Integrazione con software di versioning per collegare le attività di manutenzione con quelle di commit dei progetti
  4. Supporto alle attività di raccolta dei requisiti e alla gestione dell'avanzamento del processo produttivo
  5. Supporto alle attività di testing (funzionale e unit testing)
  6. Supporto alle attività di documentazione

Si tratta solo di una piccola scaletta per aiutare nell'invenzione del nome. Mi riservo di definire meglio i punti sopraelencati in un documento apposito che poi renderò pubblico attraverso il mio blog.

Il nome che propongo io è "Traq ". Breve, conciso, efficace e significativo.

Vi piace? Altre proposte?

powered by IMHO


Sto pensando di unire l'utile al dilettevole, e da qualche giorno ho in mente di cominciare a lavorare su un progetto ASP.NET utilizzando il Framework 2.0. allo scopo di fare pratica sul campo. Il fatto è che ho molti dubbi su che pprogetto affrontare. Inizialmente mi era venuto in mente di fare un porting di BugZilla per .NET, ma non sono del tutto certo di riuscire a fare meglio di quello che già c'è.

Infatti l'idea non è quella di fare un progettino fine a se stesso, ma di creare un vero e proprio progetto OpenSource, che possa avere qualche riscontro.

Qualche idea?

powered by IMHO


Questo post informa che i folder "di sistema" di ASP.NET 2.0 cambieranno nome acquistando un prefisso "Application_"

http://www.asp.net/Forums/ShowPost.aspx?tabindex=1&PostID=691250

Perciò Code diventa Application_Code, etc.... Tutto ciò per evitare che si possano avere omonimi nei folder creati dall'utente.

Io preferivo i nomi corti, non mi è mai venuto in mente di chiamare "bin" un mio folder...