Vi propongo un piccolo sondaggio. Usate i commenti e ditemi come la pensate su questo spinoso dilemma. Sono interessato a chiarire una volta per tutte questa faccenda. Perchè scegliere un linguaggio piuttosto che un altro? Oppure perchè scegliere entrambi... nessun pregiudizio, nessun preconcetto, vi prego... tant'è che la mia opinione ve la darò solo fra un po'.

tags: - categories:

Commenti (10) -

# | Nietzsche | 09.09.2004 - 07.39

Premessa: "Dipende da quello che devi fare".



1° "Perché"



Java perché è MultiPiattaforma

# | Nietzsche | 09.09.2004 - 07.50

2° "Perché"



C# perché è il top dell'integrazione con .NET

# | Lorenzo Barbieri | 09.09.2004 - 08.20

Java no perchè non mi piacciono i "falsi" vincenti... E' facile rubare le caramelle ai bambini (Java vs VS6), ma con i grandi come ci si comporta?

# | Alessandro Scardova | 09.09.2004 - 09.13

Ehehe Giusto Lorenzo... e poi secondo me VB6 scritto come si deve... con tutte le sue cosine al posto giusto... Java: ma mi faccia il piacere!!! ;)



Ritornando al .net io uso sia VB che C# forse il compilatore VB non è ottimizzato come quello di C#, ma aiutandolo un po' con del codice scritto benino i risultati nn solo male. Probabilmente la scelta del linguaggio non è assoluta ma dipende anche dalle caratteristiche del progetto. Ci sono altri fattori da considerare in azienda come la salvaguardia del know aziendale... insomma se vuoi sapere la mia opinione alla Frank Sinatra... VB is the my way.

ciao

AS

# | Emanuele DelBono | 09.09.2004 - 19.48

Io vorrei soffermarmi più sui linguaggi che sulla piattaforma.

Secondo me il vantaggio di C# su Java sta nel fatto che è C# è nato dopo.

Arrivando dopo puoi capire quali sono i difetti degli altri e quindi correggerli e/o migliorare.

La sintassi è pressapoco uguale (a parte qualche piccola differenza).

C# è dotato di feature che Java non ha (o non aveva fino a pochi mesi fa).

Java è portabile...ma sinceramente non credo che ci sia tutta questa necessità.

Quindi, sempre parlando di linguaggi, non vedo grosse differenze.

La piattaforma è un altro discorso.

# | Daniele Proietti | 09.09.2004 - 20.16

Java è preferibile se il progetto deve essere portabile su piattaforme non Windows (non mi pare che Mono sia ancora sufficentemente adeguato).

C# in tutti gli altri casi perché permette di sviluppare differenti tipologie di applicazioni, rende molto più semplice la creazione del Layout grafico e permette una più facile integrazione con prodotti tipo "Office".

# | ALL YOUR BASE ARE BELONG TO US | 09.09.2004 - 22.20

# | Marco Cecconi | 09.09.2004 - 22.35

Scusate i BR sopra...

# | Marco Cecconi | 09.09.2004 - 22.35

Meglio C#:<br>

- Innanzitutto è molto più veloce, nella mia esperienza. Ho visto applicazioni Java ammazzare server molto potenti, non ho mai visto C# comportarsi così.<br>

- Visual Studio è meglio di Eclipse (a parte il refactoring).<br>

- L'idea di una virtual machine di Java è quasi demenziale, specialmente in un mondo che tende sempre più al F/OSS. Basta codice scritto bene e una ricompilata. La virtual machine serve principalmente nei sistemi embedded (dove però anche la performance è importante e Java la penalizza), e nelle Applet.<br>

- C# è più versatile, permette anche di andare a basso livello (unmanaged).<br>

- Java ha un SDK a mio parere pi-e-to-so. Una buona libreria deve essere innanzitutto chiara, ovvero avere una struttura facilmente consultabile. Inoltre deve essere praticamente esente da oggetti deprecati. L'SDK di Java da questo punto di vista è molto carente.

- Quando mono e dotGNU saranno pronti (non manca molto), la grossa parte dei vantaggi di Java sparirà.

- ADO.NET è molto meglio di jdbc.



Basta?

# | Lorenzo Barbieri | 10.09.2004 - 06.09

Scusa non ho capito questa frase:

L'idea di una virtual machine di Java è quasi demenziale, specialmente in un mondo che tende sempre più al F/OSS.



E' l'idea di VM a essere demenziale (e allora in .NET cosa ci sta a fare) o l'implementazione Java?

Aggiungi Commento