Sono "felice" di aver sentito le parole illuminate che Marcello Pera ha proferito in occasione della suo discorso presso il meeting ciellino. Felice, non certo per le parole in se, che trovo quanto di più ributtante ci si possa aspettare da qualcuno che pretende di essere una carica di "garanzia", ma perchè finalmente so con chiarezza da che parte schierarmi. Se qualcuno fino a ieri mi avesse posto la fatidica domanda, "ma tu sei relativista?", io probabilmente avrei risposto nicchiando che non ne ero certo, che di certo non ero schierato con il papa, e che forse mi sentivo più un liberale. Ma oggi, non fosse altro che per distinguermi visibilmente da quella schiera cui il Pera nazionale si onora di far parte posso dire che: "Sì, sono un relativista, sfegatato...". Anzi, giusto per chiarire per bene che io con quelli di CL, con i papisti, e col Presidente del senato, proprio non ho nulla a che spartire ho anche preparato questo bel gadget. All'inizio ero un po' dubbioso nella scelta della giusta terminologia. In effetti anche meticcio mi si addice molto, in fin dei conti sono "terrone" almeno per metà. Alla fine ho scelto il relativismo perchè pare che costoro abbiamo una preferenza marcata per emarginare questa classe sociale. Il simbolo poi gli si addice. Il relativismo, la nuova peste del 2005 merita di certo di essere annoverato nei composti a rischio biologico.

State alla larga!

powered by IMHO 1.2


Commenti (9) -

# | Francesco | 23.08.2005 - 09.12

Non credo che Marcellino nostro pensasse alla parola "terrone" quando ha detto "meticcio". Credo proprio volesse dire "bastardo", ma tant'è.
Bello il gadget. Se permetti credo lo userò pure io. Se non permetti, fammelo sapere Smile

# | codeblock | 23.08.2005 - 12.36

permetto, permetto...

# | warry | 23.08.2005 - 17.36

finalmente!  visto il martellamento (tra il pubblicitario e il "regime") dell'informazione (?) televisiva, verrebbe altrimenti persino il dubbio di essere rimasti in pochi esemplari a a guardare con sospetto l'arroganza di chi professa valori assoluti....
grazie!

# | Allucco | 23.08.2005 - 22.21

Vorrei rinforzare la posizione "Relativista" lanciata da questo Blog.
Sono di sinistra, la ammetto, non per tessera ma perche' ne condivido i valori. Mi rendo conto che pero' tante altre persone non le condividono e cercano un identificazione politica con una destra che, purtroppo, in Italia e' stata o fascista, fino al 45, con quello che ben sappiamo significhi o "burina e ridicola" come quella che da' spettacolo da 5 anni a questa parte. Ultima dimostrazione di questo  che sostengo e' l'esternazione di questo tristo personaggio il cui nome ha con una curiosa assonanza con il termine popolare con il quale si indica l'assunzione di una droga pesante!
Penso che arrivati a questo punto sia necessario aiutare il popolo di destra, che pure ha una sua dignita' e consistenza, a trovare dei rappresentanti piu' degni, piu' credibili, al passo con la storia. Ritengo sia un compito ormai nostro, visto che abbiamo le nostre colpe nell'aver ridicolizzato tutto cio' che non ci era consono, in quanto l'alternativa ormai e' questa: deliranti esternazioni di fine stagione (c'entrera' il solleone?) dal sapore stantio di mezzo secolo fa. Non vedo in che modo poter commentare meglio: aiutiamo la destra a sbarazzarsi di questi buffoni per trovarsi gente piu' seria, con la quale confrontarsi sui veri problemi del millenio.

# | Circolo | 24.08.2005 - 10.12

Circolo Culturale "J.F.Kennedy"


                    WE LOVE

                   MARCELLO

# | Robinik | 24.08.2005 - 17.43

Ciao!
Mi spiegherai poi come coniughi questo tuo post e questa tua posizione con questo tuo scritto:

Mi fa pensare il motto con il quale ormai sono state inquinate le menti di buona parte degli italiani e non solo. "La democrazia non si esporta", è la frase che più spesso si sente pronunciare quando giocoforza in questi giorni il discorso ricade su Iraq, guerra e terrorismo. Caspita possibile che si possa essere così ottusi da non capire? Certo, avere i terroristi in casa non è una bella cosa, ma questo non cambia il fatto che la democrazia non è un bene della nostra civiltà, ma dell'umanità intera e come tale è nostro obbligo morale regalarlo a chi non ce l'ha. Possiamo discutere se volete dei mezzi per garantire la democrazia a tutti i popoli, ma che la democrazia debba per forza essere "esportata", su questo non ci piove. Forza, pensateci un momento, per una volta cercate di vedere il modo da un'angolazione diversa da quella che viene proposta dalla tivu o da quella che sembra essere la realtà più comoda. La democrazia è la possibilità che ogni essere umano deve avere di autodeterminare il proprio destino e come tale non deve essere considerata un vezzo tipicamente occidentale, ma un diritto inalienabile di ogni uomo che si possa dir tale, sulla faccia di questo martoriato pianeta. E' un concetto semplice mi pare, demo-crazia, ce lo hanno anche insegnato alle medie, "governo del popolo", non dei potenti, non dei ricchi, non dei crudeli, non degli aguzzini, ma del popolo, dell'uomo per l'uomo in definitiva. Guardata in questo modo diventa un'esportazione non solo possibile, ma addirittura auspicabile, per chi non ce l'ha che deve impararla, e per noi che pur avendola almeno in parte oggi potremmo perderla domani.

# | france | 24.08.2005 - 18.06

Proprio perche' non sei relativista pensi che Pera sia un idiota. Io non sono per niente relativista e non sono mai disposto a sacrificare la mia visione etica o, peggio, a delegarla ad un papa o ad un Pera.
Il suo attacco al laicismo e' infatti la chiara e limpida dichiarazione del suo relativismo etico.

# | codeblock | 24.08.2005 - 23.28

in questo post rispondo a robinik : http://www.boschin.it/blogs/radicalmente/archive/2005/08/24/3273.aspx

# | skunk | 06.12.2005 - 10.53

Mi associo, e metto il logo.

Aggiungi Commento