Happy-2014-free-wallpaper1Tracciare un bilancio del 2013 è di certo difficile e si rischia di cadere nell’ovvio. Che non sia stato un anno positivo è sicuramente certo, e credetemi non solamente dal punto di vista della politica e dell’economia di questo disastrato paese. Nel mio piccolo è stato un anno di belle idee che non si sono concretizzate, di difficili momenti che poi si sono risolti di cose più o meno comuni che sono accadute, lasciando un po’ di amarezza e tentandomi nella recriminazione.

Ciascuna esperienza porta con se un insegnamento, una morale che ci dovrebbe in qualche modo guidare nel nostro futuro, e nel mio caso questa è la convinzione, sempre più radicata in me, che dovrei ascoltare di più il mio lato istintivo e accantonare per una volta quello che il “comune sentire” mi porta troppo spesso a fare. Sono una persona molto logica e razionale ma troppo spesso non sono in grado di trarre le ovvie conclusioni che l’applicazione di logica e razionalità mi suggeriscono. Per quanto esse apparissero strane e sconclusionate si è sempre dimostrato, alla fine, che erano quelle giuste.

Ma insomma, anche il 2013 ha avuto le sue belle soddisfazioni. Ho consolidato nel tempo il mio “peso forma” portandolo alla incredibile meta degli 88kg (-35kg) e, dedicando del tempo a me, alla mia famiglia credo di aver trovato una dimensione che riesce, almeno per ora, a preservare la mia salute e la mia condizione fisica.

Ho continuato a ballare, attività che molti ritengono inutile e triviale ma che non lo è più di dedicarsi a una qualunque attività che esuli la normale routine lavorativa. Grazie al ballare ho avuto modo di conoscere altre persone che hanno punti di vista diversi, uscendo dalla dannosa autoreferenzialità che c’è nel mio ambito dei lavoro.

Ora mi accingo ad entrare nel 2014, con il timore che richiede un periodo delicato come questo. Le esperienze concluse o che si stanno concludendo devono essere un monito ma non un ostacolo e in effetti, il fervore delle feste mi ha portato alla convinzione che bisognerà dedicare del tempo a qualche progetto che possa dare una chances alle aspettative che nell’anno scorso non si sono concretizzate.

Non so se questo sarà un anno positivo, ma forse qualche briciolo di energia per fare si che lo diventi ce l’ho ancora… fatemi gli auguri!

Io ricambio con tutto il calore che posso, augurandovi un immenso 2014.


Aggiungi Commento